Autore: Redazione Uil

Liliana non sei sola. I sindacati dicono no all’odio e l’antisemitismo

Liliana non sei sola. I sindacati dicono no all’odio e l’antisemitismo

News
"È gravissimo che Liliana Segre debba stare sotto scorta. Gravissimo che una donna, una senatrice del nostro Paese, vittima e testimone dell’Olocausto, debba temere per la propria incolumità. È un segno di imbarbarimento e di involuzione del periodo che stiamo vivendo. L’odio e il razzismo vanno banditi sempre. Dalle sedi istituzionali, così come dalle strade, dai luoghi di cultura e non delle nostre città. Liliana Segre è una persona che ha subito sulla propria pelle quello che il clima di odio e intolleranza ha prodotto. E per questo meriterebbe ancora più rispetto. Invece necessita di una scorta. Una scorta per le minacce subite dopo aver giustamente e liberamente espresso il proprio pensiero. Alla senatrice tutta la nostra solidarietà, la nostra vicinanza, il nostro NO a gran voce cont
Caro Calenda, i sindacati sono presenti a tutti i tavoli

Caro Calenda, i sindacati sono presenti a tutti i tavoli

News
"Vorremmo ricordare all'ex ministro Calenda che i sindacati sono stati sempre presenti a tutti i tavoli per Roma, incluso quello da lui stesso convocato. Siamo gli stessi di allora. Il problema è che poi non si è dato seguito a quei tavoli e il confronto, il dialogo sono rimaste parole vuote da esibire nelle occasioni. Roma è la nostra priorità e siamo disposti a dialogare con qualsiasi forza politica per migliorare una situazione arrivata oramai allo sbando totale. Nessun inciucio iniziale con la giunta Raggi. O forse vorrebbe dire che c'è stato un inciucio anche con lui?". Così in una nota il segretario generale della Uil del Lazio, Alberto Civica. "Noi abbiamo solo voglia di costruire per il bene di questa città - aggiunge . Quando però le promesse non vengono rispettate, non si dà segu