venerdì, dicembre 15

La voce dei segretari

Salvare Atac per salvare il lavoro

Salvare Atac per salvare il lavoro

Alfonsi, La voce dei segretari
Sì è conclusa la lunga trattativa che ha coinvolto Atac, Comune di Roma, Cgil Cisl e Uil. Un passo avanti per salvare e rilanciare l'azienda del trasporto pubblico romano. Abbiamo evitato che a pagare il costo del risanamento dell'azienda fossero soltanto i lavoratori. Ma la strada è ancora lunga. E noi vigileremo affinchè Atac resti pubblica, mantenga gli attuali livelli occupazionali e retributiti e offra un servizio migliore ai cittadini.  Per saperne di più, clicca qui e leggi il mio intervento su nuovigiorni.net http://www.nuovigiorni.net/2017/11/28/salvare-atac-salvare-lavoro/ VERBALE DI ACCORDO
Aziende partecipate. Cgil, Cisl e Uil individuano le priorità di intervento

Aziende partecipate. Cgil, Cisl e Uil individuano le priorità di intervento

La voce dei segretari, Talamo
Con Cgil e Cisl abbiamo chiesto alla Sindaca Virginia Raggi una serie di incontri per affrontare complessivamente il piano di riorganizzazione delle aziende partecipate del Comune di Roma. Dobbiamo affrontare la situazione di Multiservizi e ovviamente il destino dei suoi quattromila dipendenti, che si fa sempre più grave a seguito della sospensiva della gara da parte del Comune – dopo il parere negativo dell’Antitrust – del bando. C’è poi da verificare lo stato del Polo delle entrate e quindi di Risorse per Roma e Acqua Roma. Per saperne di più, continua a leggere il mio intervento
Violenza sulle donne.  Organizziamo una rete di solidarietà con un «Filo Diritto al Cuore»

Violenza sulle donne. Organizziamo una rete di solidarietà con un «Filo Diritto al Cuore»

La voce dei segretari, Latini
Abbiamo bisogno di uscire dal buio. Le donne, le cittadine di Roma vogliono uscire dal buio nel quale questa Capitale, dimenticata e mal gestita, le ha inesorabilmente gettate. Vogliamo uscire dal buio, perché la paura è buio. Perché non potersi muovere è buio. Perché vivere il terrore quando le proprie figlie la sera escono è buio. Perché non poter essere donna è buio. Per saperne di più, leggi il mio intervento su nuovigiorni.net
Il protocollo degli appalti. Per completarlo manca una firma

Il protocollo degli appalti. Per completarlo manca una firma

La voce dei segretari, Talamo
Un percoso iniziato circa un anno fa. Un impegno costante e continuo che sta vedendo protagonisti Regione Lazio e sigle sindacali. Il tutto con l'obiettivo di mettere in sicurezza un settore, quello degli appalti, sempre appetito dalle organizzazioni criminali. Per la Uil sto seguendo questa vicenda. Manca poco per chiudere il cerchio. manca soltanto una firma sul documento che deve regolare il settore delle forniture dei beni e servizi. Per saperne di più, questo è il mio intervento sulla stampa
Vite in sospeso. Un viaggio nel carcere femminile di Rebibbia

Vite in sospeso. Un viaggio nel carcere femminile di Rebibbia

La voce dei segretari, Latini
 Vite in sospeso è un progetto che analizza la valenza dei percorsi di rieducazione all’interno degli istituti penitenziari e che si sofferma sul bisogno e sulla imprescindibile necessità del reinserimento sociale di chi è stato sottoposto a misure restrittive della libertà personale. Per saperne di più leggi il mio intervento su nuovigiorni.net
Prosegue il confronto sulla riorganizzazione delle aziende partecipate

Prosegue il confronto sulla riorganizzazione delle aziende partecipate

La voce dei segretari, Talamo
Il cammino è graduale, costante. Ed è di vitale importanza perché complementare al “Verbale d’accordo” che come sindacati confederali abbiamo firmato due settimane fa con il Comune di Roma sulla riorganizzazione delle aziende partecipate. E’ un lavoro certosino, fatto di confronti, proposte e incontri. L’ultimo in ordine di tempo ha visto riunito il coordinamento Uil delle società che fanno capo al Campidoglio. Per saperne di più, questo è il mio intervento sulla stampa
L’eccellenza del Grassi nel panorama della riorganizzazione sanitaria del Lazio

L’eccellenza del Grassi nel panorama della riorganizzazione sanitaria del Lazio

Dominici, La voce dei segretari
Il laboratorio centrale dell’ospedale Grassi si caratterizza come una eccellenza nel suo genere, con dodici centri di prelievo e attrezzature estremamente avanzate, in grado di competere anche per efficienza produttiva e qualità con ogni altro nosocomio romano. Ad oggi il laboratorio effettua 2,5-3 milioni di esami e test all’anno, dai più semplici a quelli più sofisticati. Grazie poi a una elevata automazione, assicura sia l’attività di urgenza sia quella di routine. Perchè depotenziarlo? Per saperne di più, leggi il mio intervento su nuovigiorni.net
Sindacati e Comune a confronto per riformare le aziende partecipate

Sindacati e Comune a confronto per riformare le aziende partecipate

La voce dei segretari, Talamo
Negli ultimi giorni abbiamo affrontato con determinazione il confronto con il Comune di Roma sulla riforma del settore delle aziende partecipate. Le pressioni che abbiamo esercitato hanno permesso di aprire la discussione sulla gestione di un processo molto complesso e delicato che coinvolge migliaia di lavoratori. Per saperne di più, leggi il mio intervento su nuovigiorni.net
Stop alla violenza sulle donne. Ecco i numeri di una cultura che tollera ancora il sopruso

Stop alla violenza sulle donne. Ecco i numeri di una cultura che tollera ancora il sopruso

La voce dei segretari, Latini, Mobbing
di Laura Latini, segretaria regionale  Prima i numeri. Più di cento. Sì, sono più di cento le donne che ogni anno in Italia vengono uccise da uomini che credono e sostengono di amarle. Il dato dello scorso anno è raccapricciante: nel 2016 ci sono stati 120 femminicidi. Ma se allunghiamo lo sguardo agli ultimi dieci anni possiamo tranquillamente parlare di strage, non a caso le donne uccise sono state 1740. E che degli innumerevoli stupri? Forse uno dei crimini più atroci contro la persona, a prescindere dal sesso, che lascia segni indelebili sul corpo e nell’anima. La scorsa estate ha segnato un susseguirsi di cronache violente: da Firenze a Lecce, da Rimini a Foggia: una insopportabile escalation di soprusi, che ha spinto il Presidente del Senato Piero Grasso - dopo la morte di Nic