mercoledì, ottobre 18

Rilanciare il trasporto pubblico di Roma

Felice Alfonsi, segretario regionale
Felice Alfonsi, segretario regionale

di Felice Alfonsi, segretario regionale

Ci sono tutte le condizioni per rilanciare l’azienda dei trasporto pubblica di Roma. Per noi l’attuale crisi di Atac non è irreversibile. Noi ne siamo convinti. Con noi ne sono convinti anche gli altri sindacati di Cgil e Cisl. E’ per questo che con il Comune, abbiamo firmato un verbale d’intesa, ovvero un documento che indica punto per punto le azioni per rilanciare Atac. Per noi i punti qualificanti sono questi: il carattere pubblico dell’azienda partecipata, il mantenimento degli attuali livelli occupazionali e retributivi nonché l’imprescindibile necessità di offrire un servizio efficiente ai cittadini. Questo accordo è naturalmente soltanto un primo passo, tutto da verificare. Dobbiamo monitorare ogni singolo passaggio per essere certi che si rispetteranno i punti sottoscritti nell’intesa.

C’è poi un altro aspetto che dobbiamo tenere costantemente sotto controllo. Da parte aziendale infatti si dovrà concordare con le parti sociali il piano industriale, che rappresenta la cartina di tornasole degli accordi politici raggiunti. Nel verbale d’intesa si prevede anche la costituzione di un tavolo permanente sull’insieme dell’occupazione diretta e indiretta, che dovrà assicurare un’informazione in grado di migliorare il confronto con i rappresentanti delle categorie, anche relativamente ai temi legati alla riorganizzazione dell’azienda e al suo rilancio.

A noi della Uil adesso non resta che verificare ogni singola mossa affinché Atac resti pubblica e sia finalmente in grado di offrire un servizio efficiente agli utenti. Perché – ne sono convinto – è da questo che si misura il grado di civiltà di un paese, in questo caso di una città che è la Capitale d’Italia.

Il mio intervento sulla stampa

Rilanciare il trasporto pubblico di Roma. I sindacati firmano intesa con il Comune

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *